DuPont riporta i risultati del quarto trimestre e dell’intero anno 2016

Utili operativi per azione per l’intero anno 2016 aumentati di oltre il 20 percento

Superato l’impegno sul risparmio dei costi per il 2016

Il flusso di cassa libero per l’intero 2016 migliorato di 1,6 miliardi di dollari

Wilmington, Del., 24 gennaio 2017DuPont (NYSE: DD), una società basata sulla scienza che sviluppa prodotti, materiali e servizi innovativi per il mercato globale, oggi ha annunciato utili operativi GAAP del quarto trimestre 2016 di $0,29 per azione e utili operativi di $0,51 per azione. L’anno precedente gli utili GAAP e operativi erano in perdita di $(0,26) e gli utili di $0,27 per azione, rispettivamente. Il reddito GAAP da operazioni correnti al lordo delle imposte era di $353 milioni, inclusi costi per $(599) milioni relativi a una svalutazione dell’attività e costi di transazione compensati da $382 milioni per costi previdenziali/OPEB non operativi. L’anno precedente, le perdite GAAP da operazioni correnti al lordo delle imposte sono state di $(421) milioni, inclusi costi di ristrutturazione per $(775) milioni.

Per l’intero 2016, DuPont ha registrato utili GAAP di $ 2,85 per azione e utili operativi di $ 3,35 per azione. L’anno precedente gli utili GAAP e operativi sono stati di $2,09 e $2,77 per azione, rispettivamente.

Le vendite nel quarto trimestre sono state di $5,2 miliardi, il due percento in meno rispetto all’anno scorso, visto che il vantaggio dell’1 percento della valuta è stato compensato da un calo del 2 percento dei prezzi locali e dell’1 percento della diminuzione dei volumi. I volumi sono diminuiti mentre la crescita nei Performance Materials, Electronics & Communications e Industrial Biosciences è stata più che compensata da un calo in Agriculture, dovuto alla tempistica della vendita delle sementi nel quarto trimestre, a causa dei cambiamenti nella commercializzazione nella parte meridionale degli USA. Escludendo questo cambio della tempistica, le vendite sarebbero aumentate del 2 percento. Le vendite totali per il 2016 sono state di $24,6 miliardi, il due percento in meno rispetto all’anno scorso, a causa dell’1 percento di impatto negativo dalle valute, e dell’1 percento dal calo dei prezzi locali. I volumi sono rimasti stabili mentre la crescita in Performance Materials, Nutrition & Health e Industrial Biosciences è stata compensata da un calo negli altri segmenti. Ad esclusione del cambio di tempistica nelle vendite nel quarto trimestre delle sementi in Agriculture, le vendite sono diminuite dell’1 percento.

Il miglioramento di $1,6 miliardi dal flusso di cassa libero per l’anno, riflette maggiori utili, minori spese per investimenti, imposte più basse, miglioramento del capitale circolante, e l’assenza dei flussi finanziari in uscita di Chemours.

Ed Breen, chairman e CEO di DuPont, ha dichiarato: “Il 2016 è stato un anno importante perché abbiamo superato le nostre aspettative in termini di utili, risparmio dei costi, espansione dei margini operativi e miglioramento dei flussi di cassa liberi. Abbiamo ottenuto eccellenti risultati sulle nostre priorità strategiche nel 2016 per aumentare il valore degli azionisti, e continueremo a costruire su queste basi mentre ci avviamo nel 2017. Ci auguriamo di concludere la fusione con Dow e proseguiamo il dialogo costruttivo con le autorità di regolamentazione nelle giurisdizioni chiave. Adesso ci aspettiamo che la fusione si concluda nella prima metà del 2017, in attesa delle approvazioni normative.”

 

Notizie di rilievo del quarto trimestre

Utili GAAP per azione hanno totalizzato $0,29 contro una perdita di $(0,26) per azione, nell’anno precedente. Gli utili operativi per azione quasi raddoppiati, a $0,51, da $0,27 dell’anno scorso.
Le vendite, $5,2 miliardi, sono diminuite del 2 percento. I prezzi locali si sono abbassati del 2 percento, mentre la valuta ha beneficiato le vendite dell’1 percento. I volumi sono scesi dell’1 percento, mentre la crescita in Performance Materials, Electronics & Communications e Industrial Biosciences è stata più che compensata dal calo in Agriculture, dovuto alla tempistica delle vendite delle sementi nel quarto trimestre, principalmente a causa del cambio della commercializzazione nella parte meridionale degli USA. Escludendo questo cambio della tempistica, le vendite sarebbero aumentate del 2 percento.
Margini operativi di segmento aumentati di 305 punti base.
Costi operativi GAAP diminuiti del 5 percento. Costi operativi, esclusi elementi significativi e benefits previdenziali /OPEB non operativi, scesi del 9 percento rispetto all’anno scorso.

Il seguente è un sommario dei risultati dei business per ogni segmento riportabile della società, confrontando il quarto trimestre e l’intero anno precedente, salvo indicazione contraria.

Agriculture – Per il quarto trimestre 2016, una perdita operativa di $19 milioni è migliorata di $35 milioni, o del 65 percento. Il vantaggio dalla valuta di $78 milioni e il risparmio dei costi, sono stati parzialmente compensati dalla tempistica delle spedizioni delle sementi, principalmente a causa del cambio di commercializzazione negli USA meridionali. Margini operativi ampliati di circa 210 punti base.

Utili operativi per l’intero anno di $1.758 milioni aumentati di $112 milioni, o il 7 percento, mentre risparmio dei costi e costi dei prodotti più bassi sono stati parzialmente compensati dalla tempistica delle spedizioni delle sementi, principalmente a causa del cambio di commercializzazione negli USA meridionali e della valuta negativa. Margini operativi aumentati di circa 170 punti base.

Electronics & Communications – Utili operativi nel quarto trimestre 2016 di $98 milioni aumentati di $11 milioni, o il 13 percento, su un risparmio dei costi e crescita nel volume della pasta Solamet®. Margini operativi aumentati di circa 115 punti base.

Utili operativi per l’intero anno di $358 milioni uguali all’anno precedente, poiché il risparmio dei costi è stato compensato da vendite più basse e $16 milioni di spese per contenziosi. Le vendite sono scese per debolezza dei mercati elettronici consumer e per minore domanda del mercato fotovoltaico che ha avuto un impatto sulle vendite della pellicola Tedlar®. Margini operativi aumentati di circa 90 punti base.

Industrial Biosciences - Utili operativi nel quarto trimestre 2016 di $67 milioni, diminuiti di $11 milioni, o il 14 percento, principalmente a causa del calo in CleanTech. Margini operativi contratti di circa 295 punti base.

Utili operativi per l’intero anno di $270 milioni, aumentati di $27 milioni, o l’11 percento, riflettono risparmio dei costi e un aumento delle vendite, parzialmente compensati dall’impatto negativo della valuta. Margini operativi ampliati di 155 punti base.

Nutrition & Health - Utili operativi nel quarto trimestre 2016 di $135 milioni, aumentati di $50 milioni, o il 59 percento, su risparmio dei costi e guadagno di $27 milioni dalla vendita di un’attività. Volume stabile e crescita nei dolcificanti e probiotici compensata da calo nelle soluzioni proteiche. Margini operativi ampliati di 615 punti base.

Utili operativi per l’intero anno di $504 milioni, aumentati di $131 milioni, o il 35 percento, su risparmio dei costi, aumento del volume in probiotici e colture e $27 milioni di guadagno dalla vendita di un’attività. Margini operativi ampliati di circa 400 punti base.

Performance Materials - Utili operativi nel quarto trimestre di $328 milioni, aumentati di $47 milioni, o il 17 percento, poiché costi di produzione più bassi, risparmio, e aumento della domanda nei mercati globali automotive hanno più che compensato l’assenza di $33 milioni dell’anno scorso per la vendita di un business, oltre a vantaggi fiscali associati ad un sito di produzione. Margini operativi ampliati di 275 punti base.

Utili operativi per l’intero anno di $1.297 milioni, aumentati di $81 milioni, o il 7 percento, dato che risparmio, volumi aumentati e minori costi di produzione hanno più che compensato i $63 milioni di impatto negativo della valuta e l’assenza di benefit per $49 milioni dello scorso anno, compreso un benefit netto da una joint venture, la vendita di un business e la realizzazione di sgravi fiscali associati ad un sito produttivo. Margini operativi ampliati di circa 180 punti base.

Protection Solutions - Utili operativi nel quarto trimestre di $142 milioni diminuiti di $5 milioni, o il 3 percento, dato che i risparmi dei costi sono stati più che compensati da costi maggiori per minore utilizzazione degli impianti e impatto negativo della valuta. Margini operativi contratti di 60 punti base.

Utili operativi per l’intero anno di $668 milioni, aumentati di $27 milioni, o il 4 percento, dato che il risparmio dei costi è stato parzialmente compensato dalle vendite più basse. Margini operativi ampliati di circa 150 punti base.

Previsioni per il primo trimestre 2017

Si prevede che la fusione si concluda nella prima metà del 2017, in attesa delle approvazioni normative. Pertanto, è stata fornita solo un’indicazione per quanto riguarda il primo trimestre 2017. La società prevede utili GAAP per il primo trimestre 2017 in discesa di circa il 18 percento rispetto all’anno precedente. Gli utili aziendali GAAP per il primo trimestre comprendono una spesa di circa $0,15 per azione per costi di transazione associati con la fusione con Dow. L’anno precedente gli utili GAAP includevano un vantaggio netto di $0,18 per azione da elementi significativi, principalmente legati agli utili generati dalla vendita di un’entità.

Gli utili operativi del primo trimestre 2017, si prevede che aumenteranno di circa l’8 percento rispetto all’anno precedente, grazie a vantaggi dal risparmio dei costi e dall’impatto del cambio della tempistica per le spedizioni di sementi, relativamente al cambio commercializzazione di Agriculture negli Stati Uniti meridionali. Tali vantaggi, si anticipa che saranno parzialmente compensati da un’attesa riduzione delle superfici coltivate a mais negli USA.

Use of Non-GAAP Measures

This earnings release includes information that does not conform to U.S. generally accepted accounting principles (GAAP) and are considered non-GAAP measures.  These measures include the company’s consolidated results and earnings per share on an operating earnings basis, which excludes significant items and non-operating pension and other postretirement employee benefit costs (operating earnings and operating EPS), total segment pre-tax operating earnings, operating costs and corporate expenses on an operating earnings basis.  Management uses these measures internally for planning, forecasting and evaluating the performance of the company’s segments, including allocating resources and evaluating incentive compensation.  From a liquidity perspective, management uses free cash flow, which is defined as cash provided/used by operating activities less purchases of property, plant and equipment.  Free cash flow is useful to investors and management to evaluate the company’s cash flow and financial performance, and is an integral financial measure used in the company’s financial planning process. Management believes that these non-GAAP measurements are meaningful to investors as they provide insight with respect to ongoing operating results of the company and provide a more useful comparison of year-over-year results.  These non-GAAP measurements supplement our GAAP disclosures and should not be viewed as an alternative to GAAP measures of performance.  Reconciliations of non-GAAP measures to GAAP are provided in schedules A, C and D.  Details of significant items are provided in schedule B.

DuPont

Fin dal 1802, DuPont (NYSE: DD) porta sul mercato globale le conoscenze scientifiche e ingegneristiche più avanzate sotto forma di prodotti, materiali e servizi innovativi. La società ritiene che, grazie alla  collaborazione con clienti, governi, ONG e leader innovativi, si possa contribuire a trovare una soluzione  alle sfide globali più pressanti: garanzia di cibo sano e sufficiente ad ogni essere umano, riduzione della  dipendenza dai combustibili fossili e protezione dell’ambiente. Per ulteriori informazioni su DuPont e il suo impegno per un’innovazione fondata sulla collaborazione, visitare il sito www.dupont.com

 

Forward-Looking Statements: This communication contains “forward-looking statements” within the meaning of the federal securities laws, including Section 27A of the Securities Act of 1933, as amended, and Section 21E of the Securities Exchange Act of 1934, as amended. In this context, forward-looking statements often address expected future business and financial performance and financial condition, and often contain words such as “expect,” “anticipate,” “intend,” “plan,” “believe,” “seek,” “see,” “will,” “would,” “target,” similar expressions, and variations or negatives of these words. 

Forward-looking statements by their nature address matters that are, to different degrees, uncertain, such as statements about the consummation of the proposed transaction and the anticipated benefits thereof. Forward-looking statements are not guarantees of future performance and are based on certain assumptions and expectations of future events which may not be realized. Forward-looking statements also involve risks and uncertainties, many of which are beyond the company’s control. Some of the important factors that could cause the company’s actual results to differ materially from those projected in any such forward-looking statements are: fluctuations in energy and raw material prices; failure to develop and market new products and optimally manage product life cycles; ability to respond to market acceptance, rules, regulations and policies affecting products based on biotechnology and, in general, for products for the agriculture industry; outcome of significant litigation and environmental matters, including realization of associated indemnification assets, if any; failure to appropriately manage process safety and product stewardship issues; changes in laws and regulations or political conditions; global economic and capital markets conditions, such as inflation, interest and currency exchange rates; business or supply disruptions; security threats, such as acts of sabotage, terrorism or war, natural disasters and weather events and patterns which could affect demand as well as availability of products for the agriculture industry; ability to protect and enforce the company’s intellectual property rights; successful integration of acquired businesses and separation of underperforming or non-strategic assets or businesses; and risks related to the agreement entered on December 11, 2015, with The Dow Chemical Company pursuant to which the companies have agreed to effect an all-stock merger of equals, including the completion of the proposed transaction on anticipated terms and timing, the ability to fully and timely realize the expected benefits of the proposed transaction and risks related to the intended business separations contemplated to occur after the completion of the proposed transaction. Important risk factors relating to the proposed transaction and intended business separations  include, but are not limited to, (i) the completion of the proposed transaction on anticipated terms and timing, including obtaining  regulatory approvals, anticipated tax treatment, unforeseen liabilities, future capital expenditures, revenues, expenses, earnings, synergies, economic performance, indebtedness, financial condition, losses, future prospects, business and management strategies for the management, expansion and growth of the new combined company’s operations and other conditions to the completion of the merger, (ii) the various approvals, authorizations and declarations of non-objection from certain regulatory and governmental authorities may not be obtained, on a timely basis or otherwise, including that these regulatory or governmental agencies may impose conditions on the granting of such approvals, including requiring the respective Dow and DuPont businesses to divest certain assets if necessary in order to obtain certain regulatory approvals or otherwise limiting the ability of the combined company to integrate parts of the DuPont and Dow businesses, (iii) the ability of Dow and DuPont to integrate the business successfully and to achieve anticipated synergies, risks and costs and pursuit and/or implementation of the potential separations, including anticipated timing, any changes to the configuration of businesses included in the potential separation if implemented, (iv) the intended separation of the agriculture, material science and specialty products businesses of the combined company post-mergers in one or more tax efficient transactions on anticipated terms and timing, including a number of conditions which could delay, prevent or otherwise adversely affect the proposed transactions, including possible issues or delays in obtaining required regulatory approvals or clearances, disruptions in the financial markets or other potential barriers, (v) continued availability of capital and financing and rating agency actions, (vi) potential business uncertainty, including changes to existing business relationships, during the pendency of the merger that could affect DuPont’s financial performance, and (vii) certain restrictions during the pendency of the merger that may impact DuPont’s ability to pursue certain business opportunities or strategic transactions. These risks, as well as other risks associated with the proposed merger, are more fully discussed in the joint proxy statement of Dow and DuPont and the prospectus of DowDuPont included in the definitive registration statement on Form S-4 (File No. 333-209869), (as amended, the Registration Statement). While the list of factors presented here is, and the list of factors presented in the Registration Statement are, considered representative, no such list should be considered to be a complete statement of all potential risks and uncertainties. Unlisted factors may present significant additional obstacles to the realization of forward-looking statements. Consequences of material differences in results as compared with those anticipated in the forward-looking statements could include, among other things, business disruption, operational problems, financial loss, legal liability to third parties and similar risks, any of which could have a material adverse effect on DuPont’s consolidated financial condition, results of operations, credit rating or liquidity. The company undertakes no duty to publicly revise or update any forward-looking statements whether as a result of future developments, new information or otherwise, should circumstances change, except as otherwise required by securities and other applicable laws.