< TORNA A TUTTI I CASE STUDY

Obiettivo: Zero infortuni sul lavoro - Come si fa a raggiungere questo obiettivo?

Le soluzioni tecniche da sole non bastano per ThyssenKrupp Gerlach

 

La frustrazione, l'impotenza e la rassegnazione non sono insolite quando il tasso di infortuni sul lavoro è elevato. Se avete già provato tutto, che altro c'è ancora da fare? L'azienda tedesca di stampaggio ThyssenKrupp Gerlach (TKG) non si è rassegnata e ha effettuato una revisione radicale della propria cultura della sicurezza insieme a DuPont Sustainable Solutions.

 

Nella sede di Homburg, vicino a Francoforte, ThyssenKrupp Gerlach GmbH con i suoi 750 dipendenti produce alberi a gomito forgiati per l'industria automobilistica mondiale. Insieme ai siti di produzione internazionali della business unit ThyssenKrupp Forged and Machined Components, l'azienda è leader mondiale in questo settore. L'ambiente di lavoro delle officine di stampaggio è influenzato in modo significativo da rumore, vibrazioni, calore e sporcizia. Per anni ThyssenKrupp Gerlach ha cercato di migliorare le proprie prestazioni in materia di sicurezza, ma sebbene l'azienda fosse riuscita a ridurre costantemente la frequenza degli infortuni, nel 2010 il tasso di 20 infortuni sul lavoro per milione di ore lavorate sembrava ancora troppo alto al Dr. Franz Eckl, uno dei membri della dirigenza.

 

I fattori del successo di ThyssenKrupp Gerlach

  • Impegno e interesse visibile da parte dell'alta dirigenza
  • Definizione chiara delle regole
  • Buona comunicazione degli obiettivi e delle aspettative
  • Colloqui regolari sulla sicurezza con un nuovo argomento ogni mese e l'esposizione dei risultati
  • 356 giorni senza infortuni
  • Riduzione degli incidenti o degli infortuni registrati di quasi il 20%
  • Cambiamento del comportamento dei dirigenti e dei dipendenti 
  • Aumento della produttività del 20%
  • Miglioramento di tutti gli altri indicatori chiave operativi degni di nota (qualità, approvvigionamento, costi)
  • Dipendenti, rappresentanti dei lavoratori e alti dirigenti sono orgogliosi dei risultati raggiunti insieme
  • Con l'esperienza che una visione può diventare realtà

 

Mettere fine alla cultura degli incidenti

 

"All'epoca, non solo registravamo tassi relativamente elevati di incidenti, ma anche alcuni incidenti gravi con effetti a lungo termine", spiega. "I nostri approcci alle soluzioni si concentravano esclusivamente sugli aspetti tecnici e organizzativi. I dipendenti non erano consapevoli della possibilità di prevenire gli infortuni sul lavoro. Il pensiero generale spesso era "Non c'è niente da fare per alcuni incidenti". Sono il risultato di un comportamento".

 

"Ci siamo resi conto che dovevamo cambiare la nostra cultura e il nostro comportamento in materia di sicurezza sul lavoro. Ma non sapevamo come procedere in modo efficace e strutturato. Per noi la sicurezza sul lavoro era importante e avevamo fatto molto a riguardo. Molti di noi si sono chiesti perché ciò non bastasse".

 

Cominciarono a diffondersi frustrazione, incertezza e accettazione della situazione. Particolarmente preoccupanti erano gli incidenti la cui ripetizione non poteva essere prevenuta con mezzi tecnici o organizzativi significativi. Se, ad esempio, un dipendente correva davanti a un carrello elevatore o attraversava barriere di sicurezza in zone pericolose, ThyssenKrupp Gerlach non era in grado di adottare misure specifiche di routine. "I dipendenti si aspettavano che l'azienda o il supervisore risolvesse qualsiasi problema di sicurezza", ricorda il Dr. Eckl. "I supervisori a loro volta erano generalmente dell'opinione che solo il dipartimento preposto fosse responsabile della sicurezza. Eppure, il 75% di tutti gli incidenti veniva causato dalla vittima dell'incidente".

 

L'autocritica è difficile

 

Dopo aver discusso dell'argomento con vari specialisti, ThyssenKrupp Gerlach ha riconosciuto che l'azienda avrebbe dovuto dedicare più tempo alla sicurezza sul lavoro. Ha deciso di ricorrere al supporto esterno nella fase iniziale del progetto. Nel febbraio 2011 DuPont è stata quindi invitata a valutare la situazione e a individuare i punti focali sulla base della propria analisi, nonché a definire insieme a TKG gli obiettivi strategici e ad aiutare l'azienda ad attuare le relative misure.

 

Il Dr. Gerhart Arnold, consulente senior di DuPont ricorda l'incontro iniziale con i senior manager di ThyssenKrupp Gerlach nel marzo 2011. "È stato molto interessante. Ho fornito un feedback su come noi vedevamo TKG e abbiamo discusso su come TKG vedeva se stessa. Le discrepanze durante la discussione erano evidenti. Per quanto riguarda la cultura della sicurezza, TKG si vedeva un passo avanti sulla curva di Bradley rispetto a come la vedevamo noi".

 

Per TKG è stata un'occasione per aprire gli occhi. L'azienda ha immediatamente voluto fare qualcosa per cambiare la situazione. Il Dr. Arnold aveva notato alcuni comportamenti e situazioni tipici non sicuri, ma aveva anche osservato molte buone pratiche. Sulla base dei risultati della valutazione, DuPont ha quindi proposto di iniziare immediatamente con l'implementazione dei cosiddetti traguardi facili. Si tratta di passi che portano rapidamente al successo. Prendiamo ad esempio un elenco di regole di sicurezza per i senior manager, che l'azienda ha raggruppato e ha fatto firmare come simbolo del loro impegno. Questa "dichiarazione" è stata poi pubblicata e visualizzata.

 

Questa azione ha inviato un segnale chiaro e importante. L'impegno del management è il primo passo per raggiungere un miglioramento sostenibile della sicurezza sul lavoro. È l'elemento centrale della gestione della sicurezza.

 

Valutare e far progredire la sicurezza sul lavoro

 

Il Dr Eckl afferma: "Il significato dei traguardi facili è diventato presto evidente. È stato inoltre molto utile comprendere l'interazione dei diversi elementi della gestione della sicurezza quando si è trattato di ottenere una visione d'insieme dell'attività da svolgere. Oggi, questi elementi ci aiutano anche in molte altre attività operative chiave come la qualità, la manutenzione e il controllo dei costi. Se un'organizzazione è in grado di internalizzare questi elementi e di rispettarli, non solo migliorerà la sicurezza sul lavoro, ma aumenterà anche la sua competitività".

 

DuPont vede la gestione della sicurezza come un puzzle. Tutti gli elementi si incastrano e dipendono l'uno dall'altro. Ogni passo da compiere influenza gli altri elementi in modo diverso a seconda delle loro caratteristiche e della loro attuazione. Nessun elemento può essere visto separatamente. Un risultato sostenibile può essere raggiunto solo coinvolgendo tutti i dipendenti e lavorando continuamente su tutti gli elementi.

 

Per tenere costantemente presenti questi componenti nella nuova cultura della sicurezza in ThyssenKrupp Gerlach, è stato istituito un comitato direttivo che si riunirà mensilmente e ogniqualvolta necessario. Tale comitato direttivo è composto dai membri del comitato esecutivo, dai responsabili di tutte le business unit, da un responsabile della linea di produzione, dal presidente del comitato aziendale, dal responsabile della sicurezza e dal responsabile di progetto. Questo comitato sviluppa concetti in collaborazione con i sottocomitati che sono responsabili di diverse aree quali formazione, indagini sugli incidenti, audit e colloqui sulla sicurezza, gestione dei fornitori, motivazione e comunicazione e così via. Le business unit e le divisioni sono responsabili dell'implementazione.

 

L'impegno dell'alta dirigenza verso la nuova cultura della sicurezza viene comunicato in modo chiaro in loco attraverso manifesti, bacheche, un DVD sulla sicurezza sul lavoro per tutti i dipendenti, una brochure che elenca i 10 principi di sicurezza, ma soprattutto attraverso regolari colloqui sulla sicurezza in loco. Attualmente, circa 65 dirigenti TKG conducono mensilmente colloqui sulla sicurezza con i dipendenti. L'obiettivo è quello di riconoscere ed eliminare i pericoli, aumentare la consapevolezza sulla sicurezza, innalzare gli standard di sicurezza, motivare i dipendenti, dimostrare apprezzamento e impegno, valutare l'efficacia della formazione e rivalutare costantemente la propria efficacia. La sicurezza sul lavoro è diventata un'attività quotidiana.

 

Cosa è cambiato?

 

Per i dipendenti di ThyssenKrupp Gerlach molto è cambiato negli ultimi tre anni. In passato, la maggioranza riteneva che il numero di unità prodotte avesse la precedenza. Frank Nissen, team leader della linea di stampa 14 spiega come stanno ora le cose: "Oggi è chiaro che la sicurezza sul lavoro e il mantenimento della salute sono priorità assolute. Tuttavia, la sicurezza sul lavoro non è un successo sicuro che si raggiunge senza sforzo. Richiede vigilanza costante. I superiori devono continuamente dare l'esempio, altrimenti il soggetto perde credibilità".

 

Per il Dr. Eckl, il tempo e lo sforzo investiti sono valsi la pena. "La sicurezza sul lavoro ha il suo prezzo", afferma. "Ma il nostro sito di Homburg non ha registrato un solo incidente per quasi un anno intero. Ciò che è ancora più importante è che il comportamento dei nostri dirigenti e dipendenti in materia di sicurezza è realmente migliorato. Ciò è andato a vantaggio anche di altri processi di cambiamento. Rispetto al periodo precedente al progetto sulla sicurezza sul lavoro, nell'ultimo esercizio abbiamo aumentato la produttività del 20% nonostante un livello di produzione inferiore".

 

Frank Weis, responsabile dei progetti per la sicurezza sul lavoro, spiega: "Nel 2011 abbiamo iniziato con l'obiettivo di 0 infortuni sul lavoro. L'obiettivo è stato quasi raggiunto. Zero infortuni non è più una visione del futuro, ma il nostro nuovo obiettivo a ThyssenKrupp Gerlach. Prima di prendere in mano il progetto nel maggio 2014, ho lavorato per anni come manager di linea. Ho anche dovuto imparare a cambiare atteggiamento e comportamento nei confronti della sicurezza sul lavoro. Per questo motivo, ora è mio compito diffondere un atteggiamento altrettanto positivo tra tutti i dipendenti".

 

Per il 2015 ThyssenKrupp Gerlach ha deciso di mettere all'ordine del giorno il cosiddetto "Head of the Household Principle" (Principio del capofamiglia). Si tratta di chi è responsabile della sicurezza, ma anche di molte altre cose. In caso di pioggia attraverso il tetto del capannone di produzione, è responsabile solo il reparto di manutenzione dell'azienda? Nei prossimi sei mesi, TKG vuole chiarire che ognuno deve assumersi la responsabilità di ciò che lo circonda, proprio come a casa propria. Ciò dovrebbe rendere Gerlach ancora più sicura e competitiva.

 

Ma anche se TKG ha avuto finora molto successo con il proprio progetto di sicurezza, il Dr. Eckl non lo considera affatto completato. "Il cambiamento culturale richiede tempo. Non si ottiene con uno schiocco di dita. Se non facessimo nulla per un anno, è probabile che tutto scomparirebbe. Ne risentirebbe anche la nostra credibilità. Questa è la differenza rispetto a prima: oggi continuiamo sulla strada intrapresa. Tutti i dipendenti devono essere consapevoli del fatto che si tratta di uno sviluppo generale e duraturo per l'azienda".

 

Questo è evidente anche nella prima pagina dell'opuscolo sulla sicurezza sul lavoro che ThyssenKrupp Gerlach ha prodotto per i suoi dipendenti, nel quale viene ribadito: "Fate bene! Tutti e ogni volta!" Il motivo perché questo è così importante è riassunto nell'ultima pagina dell'opuscolo: "Gerlach sicura = Gerlach forte!" Per TKG il legame tra sicurezza e prestazioni è abbastanza chiaro.