< TORNA A TUTTI I CASE STUDY

VELUX Group: Fare luce sulla sicurezza sul lavoro

In un programma di ampio respiro, VELUX Group ha rivitalizzato la sicurezza negli oltre 20 siti produttivi e magazzini a livello globale con l'ausilio dei consulenti per la sicurezza sul lavoro DuPont Sustainable Solutions.

 

Il marchio VELUX è noto in tutto il settore edile per le finestre per tetti, i lucernari e le persiane. Ciò che è meno noto è che VELUX Group gestisce il proprio business secondo l'Obiettivo azienda modello, ovvero come un'azienda che opera con prodotti utili alla società e che tratta i propri clienti, fornitori, dipendenti di tutte le categorie e azionisti meglio della maggior parte delle altre aziende. Un'altra caratteristica di VELUX Group è il valore aziendale che essa attribuisce all'iniziativa locale, creando flessibilità per i propri siti produttivi in oltre 11 paesi.

 

Nel 2009 Kim Jonas, Responsabile salute, sicurezza e ambiente di VELUX, rilevò che le prestazioni in materia di sicurezza sul lavoro in tutto il gruppo erano in fase di stallo. "Le prestazioni di sicurezza erano discrete, avevamo lavorato con il sistema di sicurezza OHSAS nei nostri siti e utilizzato per anni indicatori ritardati e indicatori delle prestazioni chiave (KPI) a livello aziendale per stabilire i requisiti. Non lavoriamo in un settore pericoloso come quello chimico. I nostri rischi per la sicurezza derivano principalmente da taglio, lavoro in altezza, manutenzione, carrelli elevatori, pulizia e trasporto. Si potrebbe, quindi, pensare che i rischi non siano così grandi. Ogni anno, però, i dipendenti perdono ancora le dita nelle macchine per il taglio del legno".

 

Poiché VELUX Group aspira a trattare i propri dipendenti meglio di altre società, ha voluto trovare una soluzione a questa stagnazione e ha deciso di avvalersi di un esperto di sicurezza sul lavoro. "Avevamo bisogno di un consulente in grado di fornire sia la strategia a livello aziendale che lo sviluppo del programma, oltre al supporto per l'implementazione a livello locale in tutti i nostri siti nella lingua nazionale, dalla Francia all'Ungheria, dalla Danimarca all'America o alla Russia", afferma Jonas. VELUX Group si è rivolta a DuPont Sustainable Solutions (DSS), la divisione di consulenza per la sicurezza sul lavoro, l'efficienza e la sostenibilità di un riconosciuto leader mondiale nella sicurezza, DuPont.

 

DSS ha iniziato effettuando valutazioni della sicurezza sul lavoro in quattro siti pilota nel 2010. Ciò ha incluso un'indagine sulla percezione della sicurezza dei dipendenti, che ha rilevato che troppi di loro prendevano regolarmente scorciatoie in relazione alla sicurezza. Essi operavano in una cultura della sicurezza sul lavoro "dipendente". In altre parole, i dipendenti rispettavano le norme di sicurezza, ma senza pensare ai processi di lavoro autonomamente. Il gruppo era concentrato sugli indicatori tecnici di sicurezza e ritardati. La sicurezza veniva spesso gestita da appositi professionisti anziché dal responsabile di riferimento e ciò si rifletteva nell'organizzazione della sicurezza di VELUX.

 

Dopo che DSS ha condiviso con VELUX Group i risultati delle valutazioni dei siti pilota, la società si è resa conto che era necessario un programma globale per raggiungere tutti i suoi siti.

 

Ottenere una prospettiva gestionale sulla sicurezza

 

Anche se VELUX ha iniziato a lavorare a livello aziendale per sviluppare standard di sicurezza in tutta l'azienda, i siti sono stati molto coinvolti nella definizione di questi standard comuni. Parallelamente, DSS ha progettato l'attuazione del programma per i siti locali in sequenza. I siti VELUX differiscono enormemente per dimensioni. Anche se il numero medio di dipendenti di un'azienda di produzione VELUX è di circa 300, alcune sono molto più grandi, con oltre mille dipendenti, mentre lo stabilimento più piccolo ne conta solo 60.

 

Il responsabile del programma DSS, Esat Birgen, ammette che "si è trattato di un progetto gigantesco. I siti si trovavano tutti a livelli di sicurezza diversi. Abbiamo dovuto sviluppare e introdurre un programma aziendale per i siti che normalmente erano gestiti a livello locale. Era fondamentale trovare il giusto equilibrio tra diritto aziendale e locale, pur garantendo che, alla fine, tutti potessero parlare e comprendere la stessa lingua in materia di sicurezza".

 

Nel corso del progetto, DSS ha impiegato un team di 15 diversi consulenti che hanno lavorato in nove lingue diverse per fornire assistenza ai siti locali. Ogni impianto di produzione è stato aiutato a effettuare una valutazione delle carenze per stabilire l'attuale status quo della cultura della sicurezza e verificare la pertinenza delle attività pianificate. DSS ha formato dirigenti e supervisori e ha sostenuto la creazione di un'organizzazione locale per la sicurezza integrata composta da un capo progetto, un comitato per la sicurezza, sottocomitati e formatori locali. Dopo 12 mesi i consulenti hanno inoltre effettuato valutazioni dei progressi compiuti per verificare i miglioramenti apportati.

 

Come spiega Kim Jonas, "in molti dei nostri siti vi era la sensazione di fare già bene, ma gli indicatori delle prestazioni chiave (KPI) dall'alto stavano diventando sempre più rigidi. A livello locale non disponevano delle risorse necessarie per migliorare la sicurezza e la cultura. Il nuovo programma Safety Excellence ha offerto loro una prospettiva gestionale sulla sicurezza che prima non avevano. Con questo progetto abbiamo contribuito a migliorare le competenze locali, obiettivo che sarebbe stato difficile raggiungere senza aiuto".

 

Per VELUX è sempre stato molto importante che le modifiche apportate in materia di sicurezza fossero sostenibili. L'azienda voleva assicurarsi che i risultati del progetto non fossero un successo una tantum, ma un miglioramento duraturo. Esat Birgen afferma: "Il nostro approccio è quello di formare team locali in modo che possano sviluppare e implementare procedure locali basate sugli standard aziendali, e di addestrare formatori interni che siano poi incaricati di formare i dipendenti".

 

Nel frattempo, VELUX e DSS hanno collaborato con i responsabili del programma Safety Excellence del sito Østbirk in Danimarca, sviluppando programmi di formazione per dirigenti, supervisori, dipendenti e professionisti della sicurezza, organizzando workshop in sequenza per tutti i siti, seguendo le attività locali, formando dirigenti di alto livello, istituendo una metodologia di valutazione della cultura della sicurezza e formando valutatori interni per lavorare con essa.

 

Un cambiamento negli atteggiamenti nei confronti della sicurezza

 

I dirigenti delle società di produzione VELUX hanno mostrato un netto cambiamento di atteggiamento nei confronti della sicurezza a seguito di tutte queste attività. Sono molto impegnati in tutte le iniziative relative alla sicurezza e ora partecipano regolarmente ai Safety Walk, che mettono in contatto i dirigenti con il personale locale. Come spiega George Walker, direttore generale del sito VELUX di Rostov in Russia: "Ora abbiamo una visione comune della sicurezza. Non si tratta solo di qualcosa di ufficiale e formale su un foglio di calcolo, ma piuttosto di una componente della nostra vita lavorativa quotidiana, con discussioni sulla sicurezza come parte integrante di incontri e attività in tutta la fabbrica".

 

Un analogo cambiamento di comportamento è stato rilevato anche da Zoltán Vincze, direttore generale dello stabilimento LKR Hungary, il più grande sito produttivo di VELUX Group, che afferma: "Per tradizione, gli ungheresi non prestano molta attenzione a salute e sicurezza, quindi erano abbastanza scettici e molte persone ribadivano di avere fatto allo stesso modo per 20 anni e tutto finora era andato bene". "Il punto di svolta è stato la formazione dei dipendenti. Da allora, il loro comportamento è notevolmente cambiato, chiedono maggiori informazioni, vogliono essere più coinvolti e dare un contributo".

 

Ciò è confermato da Rozsits Gábor, un dipendente nello stesso sito. "Il video di formazione relativo all'uomo che ha perso la vista a causa di un incidente sul lavoro mi ha davvero fatto pensare. Poiché non indossava occhiali di sicurezza, ha perso la vista. È stato piuttosto sconvolgente vedere che un singolo piccolo errore può avere conseguenze disastrose per la propria vita e per quella dei colleghi di lavoro. Penso che il modo per raggiungere l'obiettivo zero incidenti sul lavoro sia che il personale parli sempre di specifiche questioni di sicurezza, formuli suggerimenti per le misure necessarie e la formazione e quindi li discuta con i responsabili. In questo modo, diventiamo parte della soluzione".

 

Vedere i miglioramenti

 

VELUX Group incoraggia il coinvolgimento dei dipendenti premiando la segnalazione dei near-miss e i suggerimenti per migliorare il livello di sicurezza e garantendo che i manager diano seguito a tali segnalazioni. I dipendenti sanno di essere presi sul serio e questo ha anche contribuito a migliorare la mentalità in materia di sicurezza in tutta l'azienda. Questo cambiamento di atteggiamento si traduce in un comportamento diverso, che a sua volta influisce sui tassi di incidenti.

 

Kim Jonas desidera sottolineare che ora c'è un vero e proprio orgoglio aziendale. "I dipendenti sono orgogliosi di lavorare per VELUX Group. Sono orgogliosi dei risultati raggiunti in materia di sicurezza e ciò ha prodotto molta energia positiva. La "sensibilizzazione" per la sicurezza è davvero avvenuta. Spesso sento persone dire che portano a casa la sicurezza. Io faccio lo stesso. Improvvisamente noto un comportamento non sicuro in aree a cui non avevo pensato prima. Riteniamo che questo cambiamento nel comportamento in materia di sicurezza abbia avuto anche un effetto positivo sulla produttività, in quanto la disciplina operativa che abbiamo acquisito in relazione alla sicurezza si rifletterà anche nelle altre nostre attività operative".

 

Risultati più tangibili si evincono dalle statistiche sulla sicurezza. Per alcuni dei primi siti che hanno introdotto il programma Safety Excellence sono ormai trascorsi più di cinque anni senza un singolo caso di giornata lavorativa persa. Dall'avvio del programma nel 2010, VELUX Group ha registrato un calo dei casi complessivi di pronto soccorso, che sono passati da circa 5.000 nel periodo 2008-2010 a circa 2.500 nel 2013. La frequenza degli infortuni (casi di giornate di lavoro perse per milione di ore lavorative) è scesa da sette prima dell'avvio del programma a uno nell'aprile 2014. Per Kim Jonas il motivo è chiaro. "La nostra cultura della sicurezza è decisamente migliorata e ora possiamo seguirla anche attraverso le nostre valutazioni della sicurezza. Abbiamo ridotto le condizioni e i comportamenti non sicuri. Inoltre, la riduzione degli incidenti e degli infortuni ci ha permesso di risparmiare sui costi nascosti. Stimiamo che il costo dell'introduzione di questo programma di sicurezza in tutti i nostri siti sarà ammortizzato tra cinque o sei anni, anche se il programma non è stato certo avviato per ottenere risparmi, ma piuttosto per proteggere i nostri dipendenti ancora meglio".

 

VELUX Group ha effettuato il primo gruppo di valutazioni interne delle prestazioni dei siti, esaminando l'impegno della dirigenza, le indagini sugli incidenti, la comunicazione efficace, le osservazioni e gli audit, la responsabilità del management di linea e molte altre questioni. I siti hanno sempre ottenuto risultati migliori rispetto a quelli ottenuti durante la valutazione iniziale effettuata da DuPont. Il sito VELUX di Langfang City, in Cina, è stato inoltre classificato dalle autorità locali preposte alla sicurezza come il più avanzato in termini di eccellenza nella sicurezza nella provincia di Hebei.

 

Søren Chr. Dahl, responsabile della produzione VELUX afferma: "Sono molto contento dello sviluppo positivo delle nostre prestazioni in materia di sicurezza. Il nostro fondatore ha espresso l'ambizione di essere un'azienda modello che tratta i propri dipendenti meglio della maggior parte delle altre aziende. È quindi naturale per noi che la sicurezza sia un'area di interesse fondamentale. Vorrei sottolineare che, anche se buone prestazioni in materia di sicurezza rappresentano un buon affare, per noi la sicurezza è importante in relazione ai nostri dipendenti. Vedo un miglioramento nella nostra cultura della sicurezza, ma non abbiamo ancora raggiunto l'obiettivo prefissato, pertanto il nostro percorso verso l'obiettivo di zero incidenti continuerà".

 

Sostenibilità delle prestazioni di sicurezza

 

VELUX Group completerà l'attuazione del programma Safety Excellence sviluppato insieme a DuPont nel 2014.

 

Kim Jonas conclude affermando: "Quando abbiamo iniziato il programma eravamo molto ambiziosi. Volevamo poter effettuare le valutazioni autonomamente, come DuPont. DSS ha formato i co-valutatori durante i workshop in modo da poter raggiungere questo risultato. Ora disponiamo di 20 valutatori della sicurezza VELUX qualificati, tutti provenienti da siti locali, che si stanno dimostrando estremamente preparati nell'effettuare valutazioni di sicurezza. Inoltre, essi fungono anche da agenti locali qualificati per il cambiamento. Ora in tutta l'azienda parliamo la stessa lingua in materia di sicurezza. Possiamo parlare e capirci a vicenda dalla Danimarca alla Polonia, dalla Russia alla Cina e agli Stati Uniti. Sappiamo esattamente cosa si intende per "safety walk" e "contatto di sicurezza" ovunque nel mondo. Con il programma Safety Excellence, VELUX Group dispone di un sistema comune per affrontare questioni comuni. Questo ci dà la certezza che i miglioramenti della sicurezza saranno sostenibili in modo omogeneo".