< TORNA A TUTTI I CASE STUDY

L'evoluzione della sicurezza degli impianti: una questione di cultura

Caso di studio di Nissan Manufacturing UK Limited

 

L'impianto Nissan Manufacturing UK Ltd Sunderland (NMUK SP) continua ad essere uno degli stabilimenti di produzione automobilistica più efficienti in Europa; questa posizione è stata mantenuta anno dopo anno grazie al miglioramento continuo, con particolare attenzione alla qualità, al costo e alla puntualità di consegna (Douki Seisan), indicatori delle prestazioni chiave. "Sebbene le nostre prestazioni di qualità, costo e consegna rimanessero molto elevate, abbiamo identificato ulteriori possibilità di miglioramento del tasso di incidenti nell'impianto e, inoltre, nel 2003 l'impianto ha iniziato a registrare una tendenza negativa", ha dichiarato il responsabile di salute e sicurezza dell'impianto Mike Vezmar. In risposta, NMUK SP ha svolto un'attività di benchmarking incentrata su Nissan North America (NNA), che ha ridotto in modo significativo il proprio tasso di infortuni grazie all'iniziativa Safety One. Da un'indagine più approfondita è emerso che NNA aveva stretto una partnership con DuPont. Entro il 2005, NMUK SP decise di collaborare con DuPont per riuscire a compiere un passo avanti nella sicurezza sul lavoro, pur mantenendo in pieno il titolo di uno degli stabilimenti automobilistici più efficienti d'Europa.

"Ci siamo imbattuti in alcuni dei principi che DuPont stava già usando. Il vantaggio della collaborazione con DuPont nel 2005 è stato che ci ha aiutato ad avere una direzione più chiara e una visione migliore del percorso da seguire".

Mike Vezmar, responsabile di salute e sicurezza dell'impianto

Situazione

 

Lo stabilimento di Sunderland produce tre tipi di veicoli e conta 4.700 lavoratori regolari, oltre a 1.200 appaltatori. Prima del coinvolgimento di DuPont, l'impianto aveva un proprio sistema di misure interne per la salute e la sicurezza in base a un sistema target ampiamente sfruttato da Nissan in tutto il mondo. Nell'ambito del sistema target, i vertici aziendali e la dirigenza di livello intermedio sono stati ritenuti responsabili del rispetto dei requisiti di sicurezza degli impianti.

 

La relazione di valutazione realizzata dal team DuPont nel 2005 ha mostrato che l'alta dirigenza adotta per lo più una buona filosofia di sicurezza. Come ha spiegato un manager, "danneggiare i propri dipendenti significa danneggiare le proprie risorse".

 

Dalla relazione di valutazione è emerso un chiaro mandato per portare la sicurezza allo stesso livello di importanza della qualità, del costo e della consegna, gli altri obiettivi chiave e le misure delle prestazioni dell'impianto.

 

Nel 2005 NMUK SP aveva ottenuto il riconoscimento di stabilimento automobilistico più efficiente d'Europa per diversi anni, ma l'alta dirigenza voleva che fosse "il meglio in assoluto" non solo in termini di qualità, costo e consegna, ma anche in termini di sicurezza. Come già detto, NNA ha lavorato con DuPont e ha migliorato significativamente le sue metriche di sicurezza. NMUK SP si è quindi rivolta a DuPont, che considerava il "principale punto di riferimento" per le pratiche di salute e sicurezza nella produzione.

"Sicurezza è sinonimo di qualità, costi e tempi".

Mike Vezmar, responsabile di salute e sicurezza dell'impianto

Soluzione

 

Date le grandi dimensioni dell'impianto, DuPont ha collaborato con Nissan per creare un piano su misura per diffondere i 12 elementi di DuPont per la gestione della sicurezza in NMUK. L'approccio prevedeva la formazione di ingegneri, controllori e supervisori di alto livello selezionati con conoscenze operative approfondite, in modo che potessero tornare in fabbrica e insegnare ai dipendenti ciò che avevano appena appreso. Il programma destinato a formare i formatori ha coinvolto sei dipendenti senior provenienti da diverse discipline e dipartimenti dello stabilimento di Sunderland. Per una settimana si sono incontrati con un consulente DuPont, Dennis McGowan, presso uno stabilimento DuPont in Irlanda del Nord con uno standard di sicurezza di livello mondiale.

 

È stata un'impresa importante", ricorda McGowan, "formare i dipendenti senior dello stabilimento di Sunderland sull'intero sistema di sicurezza DuPont in una settimana. Al fine di assicurare che i formatori Nissan potessero insegnare ai propri dipendenti il sistema di sicurezza DuPont, sono stati aiutati a sviluppare una consapevolezza e una comprensione più profonde della cultura che circonda il miglioramento della salute e della sicurezza. McGowan ha insegnato ai senior Nissan non solo la filosofia e le procedure di sicurezza di DuPont, ma anche tecniche e metodologie per formare e coinvolgere i dipendenti sui temi della salute e della sicurezza a tutti i livelli delle operazioni nell'area di produzione.

 

"Siamo usciti tutti molto motivati. Era come accendere una lampadina, il messaggio era molto chiaro, così come la direzione", ricorda Mike Vezmar. L'alta dirigenza ha continuato a lavorare con i consulenti DuPont dopo la formazione, ad esempio per redigere una dichiarazione sulla visione della salute e della sicurezza a livello aziendale e per fornire una guida continua sull'implementazione del processo DuPont per la sicurezza a 12 passi.

 

Implementazione

 

"Le modifiche procedurali per migliorare la sicurezza sono state implementate facilmente in breve tempo", continua Mike. "Tuttavia, la creazione di cambiamenti comportamentali per incoraggiare i dipendenti a seguire pratiche di sicurezza cruciali ha richiesto più tempo e più impegno", afferma.

 

"Si è trattato di un approccio così diverso, che ha riguardato specificamente il comportamento, ma che ha coinvolto il personale che ha partecipato al programma di sicurezza e che la maggior parte dei dipendenti ha considerato un aggiornamento del [the DuPont safety programme]."

 

"Tuttavia", aggiunge Mike, "alcune persone non erano completamente convinte in quella fase. Sono state espresse particolari perplessità sul raggiungimento di un tasso di infortunio pari a zero, parte dello standard di sicurezza di livello mondiale DuPont."

 

Il personale di tutto lo stabilimento ha iniziato i corsi di più giorni. Entro il terzo giorno del corso, Vezmar ha notato una crescente accettazione del nuovo approccio. Circa l'80% dei dipendenti ha dichiarato, attraverso le schede di feedback dei corsi, di ritenere che l'approccio alla sicurezza di DuPont offrisse "una buona strada da percorrere". I dipendenti ritengono che i cambiamenti consentiranno il coinvolgimento nel programma di sicurezza aziendale a proprio e altrui beneficio.

 

In seguito a quanto appreso durante la formazione DuPont in Irlanda del Nord, il team Nissan ha anche migliorato il sistema di incentivazione e riconoscimento per i dipendenti che eccellono nel raggiungimento di prestazioni e pratiche di alto livello in materia di salute e sicurezza. I dipendenti e le sezioni con eccellenti prestazioni di sicurezza o che propongono e implementano miglioramenti nelle proprie procedure di sicurezza, godono di un riconoscimento a livello aziendale.

 

Il riconoscimento per i lavoratori a livello di area di produzione è fondamentale per coinvolgere i dipendenti nelle pratiche di sicurezza quotidiane. "La struttura di gestione e i controlli devono essere implementati, ma in definitiva è il personale a fornire i risultati attesi. Il coinvolgimento porta all'impegno e all'appropriazione che, a loro volta, porteranno al raggiungimento del nostro obiettivo di zero incidenti" ritiene Mike Vezmar.

 

Risultati

 

La sicurezza dei lavoratori nello stabilimento di Sunderland è migliorata notevolmente da quando è iniziata la collaborazione con DuPont. Il tasso di infortuni con assenza dal lavoro (LTI) è diminuito del 70% tra gennaio 2005 e marzo 2009, passando da 17 per ogni 1.000 dipendenti a 5,1 per ogni 1.000. Nello stesso periodo anche il numero di giorni di lavoro persi è diminuito del 70%, passando da 210 ogni 1.000 dipendenti a 62 ogni 1.000 dipendenti.

 

I dipendenti godono inoltre di una salute migliore e sono più soddisfatti nei propri lavori. Il tasso di assenteismo dei dipendenti è sceso dal 2,83% nel dicembre 2004 all'1,53% nell'ottobre 2009, con il programma zero infortuni (ZIP) che ha contribuito maggiormente a questi risultati. NMUK SP svolge, inoltre, indagini semestrali sulla soddisfazione della sicurezza dei dipendenti. I risultati dell'indagine del novembre 2009 hanno mostrato che il 70% dei dipendenti dell'impianto ha un alto livello di soddisfazione per le pratiche e le istruzioni in materia di salute e sicurezza nello stabilimento di Sunderland.

 

Il ritorno sull'investimento di NMUK grazie all'attuazione dei miglioramenti in materia di sicurezza è stato sostanziale, anche se il vantaggio più fondamentale è stato la significativa riduzione
degli incidenti.

"La gente pensava che gli impianti di fusione fossero sempre sporchi e pericolosi. Ma non doveva essere assolutamente così. Era il modo in cui li percepivamo. È stato il nostro approccio gestionale alla sicurezza a far aumentare il tasso di incidenti".

Mike Vezmar, responsabile di salute e sicurezza dell'impianto

"Se ci fosse un problema, privilegerebbero la sicurezza. I fatti contano più delle parole", afferma

Denis McGowan, Consulente principale e formatore DuPont

 

Avanzare in un mercato competitivo

 

NMUK SP mantiene la propria reputazione di uno degli stabilimenti automobilistici più efficienti d'Europa, il tutto impegnandosi a raggiungere un livello mondiale di sicurezza per i propri dipendenti. La crescente concorrenza da parte delle case automobilistiche nei principali paesi competitivi come India e Cina è sempre una sfida, ma Vezmar ritiene che il sistema DuPont abbia dimostrato che lavorare in sicurezza non va a svantaggio dell'efficienza e di fatto migliora la competitività.

 

Oggi, NMUK SP è pienamente impegnato a rispettare i principi di sicurezza e li ha adottati interamente, costituendo così la base su cui è stato sviluppato il programma SP Zero Injuries. Continua a rafforzare il proprio programma di sicurezza a 12 elementi (basato sul modello DuPont) e a svilupparlo ulteriormente in combinazione con la propria politica di attuazione degli obiettivi TQM. Implementati congiuntamente, questi strumenti costituiscono una solida base per la gestione e il miglioramento delle prestazioni in materia di salute e sicurezza.

 

"Il punto forte del sistema è che DuPont crede fermamente che i suoi principi non funzioneranno senza l'impegno della dirigenza. Se i principi vengono sostenuti e guidati dall'alto funzioneranno e sarà possibile raggiungere l'obiettivo di zero infortuni con assenza dal lavoro" afferma Vezmar.

 

L'impianto di Sunderland prosegue il suo percorso verso l'obiettivo di zero infortuni con assenza dal lavoro, con alcune sezioni dell'impianto che hanno già raggiunto tale obiettivo. "Ci impegneremo per cercare di ottenere risultati per l'intero sito entro il 2015, che è una sfida importante, ma non irraggiungibile" afferma Vezmar.

 

Nissan ha assunto l'impegno della produzione nel Regno Unito nel 1984 con la fondazione dello stabilimento di Sunderland.

 

  • La prima vettura, una Bluebird, è stata lanciata nel 1986. Da allora, lo stabilimento è cresciuto fino a diventare il centro di produzione di autovetture Nissan in Europa.
 
  • Sunderland è stato dichiarato il maggiore produttore di automobili del Regno Unito per 12 anni consecutivi e il maggiore esportatore di automobili dal 2000. Infatti, un'auto nuova su tre costruita nel Regno Unito à una Nissan costruita a Sunderland.
 
  • L'impianto è ora un investimento di oltre 2,4 miliardi di sterline e impiega direttamente 4.700 dipendenti. La sua presenza a Sunderland ha portato imprese come Calsonic Kansei, Hashimoto e Unipres a creare basi di produzione nella regione.
 
  • L'investimento di Nissan a Sunderland continua ancora oggi e il 2010 vedrà il lancio del 12° nuovo modello, il crossover compatto Juke, che sarà costruito a fianco di Qashqai e Note.