Il nostro sito Web utilizza i cookie per offrirti una navigazione e servizi migliori; continuando, fornisci il tuo consenso all'utilizzo dei cookie secondo quanto riportato nella nostra Normativa sulla privacy.

Protezione da polveri e particelle

Protezione da polveri e particelle

Per garantire la sicurezza di processi e operatori, le aziende e le persone dipendono dagli indumenti protettivi. DuPont è consapevole che ogni errore può essere fatale sia per l'azienda che per la vita delle persone. Ecco perché per valutare la qualità e le prestazioni dei propri prodotti si basa su standard europei o internazionali riconosciuti.

Per misurare le prestazioni di barriera contro le particelle pericolose, DuPont fa riferimento a EN ISO 13982-2, come richiesto dallo standard per i prodotti di Tipo 5. Sostanzialmente, questo test determina l'efficienza di barriera delle tute esposte a particelle di cloruro di sodio con una granulometria definita (mediano di massa 0,6 micron). La quantità di cloruro di sodio che penetra nella tuta viene definita infiltrazione ed è espressa sotto forma di rapporto percentuale rispetto alla concentrazione di particelle "esterne".

Lo standard per i prodotti di Tipo 5 consente un'infiltrazione fino al 15% in 8 tute su 10 testate. Questo significa che possono esistere notevoli differenze in termini di prestazioni di barriera tra le tute che ottengono la certificazione per aver soddisfatto lo standard. Di conseguenza, gli utenti che lavorano in ambienti con particelle pericolose devono confrontare le prestazioni di diverse tute e scegliere il modello più appropriato all'applicazione desiderata.

Se si confrontano le prestazioni di barriera delle tute in DuPont™ Tyvek®, pellicola microporosa (MPF) e SMS in base alle condizioni di test di EN ISO 13982-2, i modelli in Tyvek® risultano superiori ai modelli SMS e MPF. Nella gamma Tyvek®, le prestazioni di barriera aumentano a seconda non solo del grado di copertura del corpo fornita da un determinato modello, ma anche di tenuta e vestibilità. DuPont consiglia quindi di scegliere i modelli in base al livello di pericolo rappresentato dalle particelle e dalla relativa concentrazione nell'ambiente. Se si desidera una maggiore protezione, Tyvek® Classic Xpert fornisce la barriera più efficiente nella gamma DuPont Tipo 5/6. Nei casi in cui occorre anche una protezione di Tipo 4, Tyvek® Classic Plus e Tyvek® Classic Plus con calze assicurano il miglior effetto barriera dell'intera gamma Tyvek®. Per consultare i risultati dei test, cliccare qui.

In genere, lo standard EN 1073-2 viene utilizzato per definire i requisiti e i metodi di test che consentono di determinare le prestazioni degli indumenti protettivi in ambienti con particelle radioattive. Il metodo di test misura inoltre l'infiltrazione delle particelle nell'intera tuta, valore che viene definito fattore di protezione nominale (NPF, Nominal Protection Factor). Naturalmente, l'NPF aumenta in proporzione alla copertura del corpo fornita dal modello Tyvek®, nonché dalla tenuta e dalla vestibilità del design: Tyvek® Labo, Tyvek® Classic Xpert e Tyvek® Classic Plus soddisfano tutti lo standard EN 1073-2 Classe 2 (fattore di protezione nominale > 50). In ambienti con una notevole concentrazione di particelle radioattive, è possibile ridurre il rischio scegliendo una tuta dotata di NPF elevato, ad esempio Tyvek® Classic Plus. Per consultare i risultati dei test, cliccare qui.

Tutti i modelli citati contribuiscono ad aumentare la sicurezza dei lavoratori, ma la protezione delle tute Tyvek® è bidirezionale, perché mantiene anche i processi liberi dalla contaminazione da particelle. Tyvek® è a basso tasso di sfilacciamento, come dimostrato da BS 6909, un metodo standard per generare e valutare la propensione allo sfilacciamento all'aria dei tessuti allo stato asciutto. Grazie alla natura delle sue fibre di polietilene resistenti, continue e ad alta densità, Tyvek® non si disperde e diventa così un materiale ideale per applicazioni quali verniciatura e produzione farmaceutica. Per consultare i risultati dei test, cliccare qui.

Per ulteriori informazioni sulla protezione da sostanze chimiche, cliccare qui.